Carrello vuoto.

Tag Archives: olio di mandorle dolci

Smagliature in gravidanza: come prevenirle con gli oli vegetali

Eccomi qui oggi per parlare insieme a voi di smagliature in gravidanza: dopo aver portato due pancioni so bene di cosa si tratta ed oggi voglio consigliarvi i migliori oli vegetali per prevenirle e trattarle.

Smagliature in gravidanza: perché escono?

Le smagliature in gravidanza appaiono perché la pelle, distendendosi alla crescita del pancione, tende a perdere elasticità. Le fibre elastiche “strappandosi” creano dapprima segni rossastri e successivamente smagliature bianche talvolta incavate.

Per prevenire le smagliature è importante agire su due fronti:

  • Mantenere idratata la pelle dall’interno, seguendo una dieta sana e ricca d’acqua;
  • Mantenere elastico lo strato superficiale cutaneo, usando cosmetici nutrienti;

Smagliature in gravidanza: i migliori rimedi naturali

In gravidanza la soluzione migliore per mantenere elastica la pelle dall’esterno, è usare degli oli vegetali da massaggio. Rispetto alle creme da profumeria e farmacia, gli oli vegetali sono puri e concentrati: agiscono direttamente dove serve e funzionano molto meglio. Inoltre, le creme da profumeria e farmacia spesso contengono siliconi e petrolati, sostanze dannose per la pelle che è bene evitare (specialmente in dolce attesa). Esistono anche delle creme eco biologiche per prevenire le smagliature e queste sono una soluzione adatta se preferite le consistenze fluide e spalmabili (rispetto all’olio). Una soluzione ottima è la Crema mamma Bionova che è biologica certificata e formulata appositamente per la gravidanza. E’ una crema che costa pochissimo, ma è eccezionale nella formula e negli ingredienti impiegati. Non contiene ingredienti dannosi per la pelle, è naturale e biologica e aiuta a mantenere la pelle morbida e nutrita.

Tra creme ed oli però, quel che più è efficace secondo me è proprio l’olio vegetale puro. Ed in particolare vi consiglio questi 3 oli vegetali:

Tutti e tre questi oli vegetali puri sono ottimi per mantenere la pelle nutrita ed elastica. Aiutano a preparare la pelle alla crescita del pancione ed hanno un’ottima azione schiarente contro macchie e piccole smagliature eventualmente già insorte con il procedere della dolce attesa. Inoltre l’Olio di Calendula è molto lenitivo, potrete usarlo anche sul vostro bambino appena nato per lenire rossori e irritazioni da pannolino. Ed è ottimo anche se soffrite di prurito (in questo caso comunque parlatene sempre con la vostra ginecologa, perché il prurito in gravidanza può essere un segno precoce di gestosi). Se invece avete una pelle già segnata dalle smagliature il migliore tra questi oli è proprio quello di Rosa Mosqueta. La sua azione cicatrizzante e schiarente, vi sarà utile anche per ridurre le smagliature che già avete iniziato a formare.

Questi oli vegetali sono tutti privi di profumo sintetico (un ingrediente che purtroppo spesso si trova negli oli che si possono trovare in profumeria o al supermercato) e sicuri in gravidanza. Sono oli naturali di prima qualità, adatti a adulti e bambini.

Consiglio di scegliere uno di questi oli vegetali e applicarlo su seno, pancia e cosce 1-2 volte al giorno, preferibilmente sulla pelle umida. L’applicazione sulla pelle umida è da preferire: in questo modo si riduce la naturale azione solvente degli oli vegetali, con il massimo risultato nutriente ed elasticizzante per la pelle. Questi oli si possono usare anche in allattamento, risciacquando il capezzolo prima della poppata.

Questi oli vegetali costano poco, ma sono ottimi e veramente efficaci. Nella nostra bioprofumeria online selezioniamo soltanto i migliori prodotti eco bio e questi sono rimedi veramente ottimi, che voglio consigliarvi da mamma a mamma.

Io spero che questo articolo vi sia stato utile e per qualsiasi domanda scrivetemi pure: info@primobio.it

Un bacio e a presto!

Deborah

Tags: , , , , , , , ,

Olio di Mandorle Dolci Comedogeno: Si o No?

olio_di_mandorle_dolci_comedogeno

Olio di Mandorle Dolci Comedogeno: Si o No?

Una delle più diffuse ed errate convinzioni nell’ambito della cosmesi naturale è che l’Olio di Mandorle Dolci sia comedogeno.

Se anche tu che stai leggendo questo articolo eri convinta che fosse vero, continua subito a leggere: ti spiegherò perché questa convinzione è semplicemente una falsa diceria!

Che cos’è l’Olio di Mandorle Dolci?

L’Olio di Mandorle Dolci si ottiene dalla spremitura a freddo delle mandorle dolci ed è un olio vegetale molto utilizzato in cosmesi per il suo costo abbordabile (inferiore rispetto a quello di tanti altri oli vegetali) e la sua elevata dermo compatibilità. Trattandosi di un olio vegetale ben tollerato anche dalle pelli più sensibili, viene consigliato anche per anziani, bambini e donne in gravidanza.

Perché si dice che l’Olio di Mandorle Dolci sia comedogeno?

Gli oli vegetali sono suddivisi principalmente in base al loro peso molecolare, caratteristica che definisce la “corposità” di un determinato ingrediente sulla pelle e sui capelli e ci consente di capire quanto questo sia nutriente e pesante sulla pelle. Ci sono oli di derivazione vegetale leggerissimi e tollerati da qualsiasi tipo di pelle, come il Caprylic Triglyceride e l’olio di Jojoba (leggermente più pesante, ma comunque appartenente alla categoria degli oli leggeri). Tutti i restanti oli vegetali invece possiedono un peso molecolare superiore.

L’olio di Mandorle Dolci ha un peso molecolare del tutto simile a quello dell’olio di Cocco, dell’olio di Argan, Macadamia e Oliva (per citarne alcuni tra i più conosciuti). È invece un olio più leggero dell’olio di Semi di Lino e dell’olio di Avocado.

Avendo un peso molecolare analogo a quello di tanti altri oli vegetali, l’olio di Mandorle Dolci può essere comedogeno tanto quanto questi altri e nulla più!

Tutto dipende dal tipo di pelle, che può essere più o meno bisognosa di nutrimento e quindi più o meno portata a sviluppare comedoni ed imperfezioni in presenza di un olio vegetale piuttosto che di un altro.

Non è vero quindi che l’olio di Mandorle Dolci è quindi sempre e comunque comedogeno!

Quali sono gli ingredienti comedogeni?

Ci sono due diverse classificazioni da fare a tal proposito: ingredienti comedogeni ed ingredienti potenzialmente comedogeni.

Tra gli ingredienti potenzialmente comedogeni rientrano tutti gli oli vegetali, ma dipende esclusivamente dal tipo di pelle e dalle quantità impiegate in un cosmetico. Qualsiasi crema eco bio per avere efficacia nutriente e per risultare cremosa e spalmabile contiene degli oli vegetali: decisamente meglio di oli minerali e petrolati, non trovi?

Isopropyl Mystrate ed Isopropyl Palmitate sono considerati più comedogeni di altri ingredienti, tuttavia anche in questo caso tutto dipende dal tipo di pelle (non solo se secca o grassa, ma anche dalla struttura stessa dei pori e dei follicoli).

Ci sono ingredienti invece che risultano occlusivi per i pori e quindi è molto più probabile che generino comedoni e imperfezioni: tra questi ci sono i petrolati.

È molto importante quindi, specialmente per i prodotti che utilizzi sul viso, scegliere delle formule che non risultino per te troppo pesanti e comedogene.

La soluzione migliore se hai la pelle che tende a formare imperfezioni, punti neri e comedoni sottopelle, è quella di scegliere texture leggere e provare a sostituire le tue creme viso con un siero eco bio dal facile assorbimento! Ci sono sieri eco bio di varie marche e fasce di prezzo: a me piacciono molto quelli Nourish, tuttavia anche quelli Biofficina Toscana, più economici, sono validissimi! La scelta sta a te e se hai bisogno di un consiglio, scrivimi pure: info@primobio.it

Ora tocca a te: condividi quest’articolo cliccando sui pulsanti qui sotto!

Un bacio,

DebyVany91

Tags: , ,